Ambiente: la Cina ferma le importazioni di 24 tipi di rifiuti

Quella che per oltre 30 anni è stata considerata un'economica fonte di materia prima per produzione è oggi vista alla luce della crescente attenzione del governo alla salute e alla protezione ambientale del paese. Lo conferma il recente divieto di importazione applicato a 24 tipi di rifiuti che entrerà in vigore entro fine anno.

Lavorati e utilizzati come materia prima, i rifiuti permettono di ridurre i costi legati alla produzione e, parallelamente, permettono alle potenze estere di fronteggiare il problema dello smaltimento.  Come segnalato dal Ministero della Protezione Ambientale cinese, il 56% dei rifiuti di plastica prodotti al mondo sono esportati verso la Cina - una percentuale che nel caso dell'Europa raggiunge un picco dell'87%. Dunque tale bando non avrà ricadute solo sul processo di riciclo dei rifiuti in Cina ma anche all'estero.

In linea con le priorità di sviluppo del paese e avanzamento tecnologico, il divieto richiederà alla Cina di pensare ad un approvvigionamento di materie prime consapevole ed economicamente sostenibile.

Leggi la documentazione ufficiale.

News